Domotica,  Recensioni

Recensione Roborock S6 MaxV

L’S6 MaxV è l’ultimo e più avanzato robot aspirapolvere del brand Roborock, molto simile al top di gamma precedente, l’S5 Max, ma con delle novità tecnologiche interessati che gli consentono di rimanere ai vertici della categoria.

L’S6 MaxV è infatti il primo Roborock dotato di Intelligenza Artificiale la quale, attraverso un nuovo potente processore e due videocamere frontali stereoscopiche, gli permette di avere una navigazione ancora più accurata.

Caratteristiche tecniche

  • Dimensioni: 353 x 350 x 96.5mm
  • Potenza di aspirazione: 2500pa
  • Capacità serbatoio polvere: 460ml
  • Capacità serbatoio acqua: 297ml
  • Batteria e autonomia: 5200 mAh – 180 minuti in modalità Quiet
  • Rumorosità: 67dB
  • Superficie ideale massima di lavoro: 300 metri quadrati

Navigazione e mappatura

Il Roborock S6 MaxV è un robot con mappatura di tipo LiDAR, ovvero sfrutta un laser che ruota molto velocemente dalla torretta presente sulla parte superiore del robot creando così una mappa di ciò che lo circonda (qui trovi un approfondimento sulle tipologie di mappatura nei robot aspirapolvere). La torretta è stata inoltre dotata di sensore di pressione il che consente al robot di capire se lo spazio sotto cui sta andando è troppo ristretto.

La mappa creata da questo laser invisibile viene usata principalmente per calcolare il percorso migliore per compiere la pulizia e per riprenderla esattamente da dove era stata eventualmente interrotta, ma è ovviamente anche utile perché ci permette di comandare il robot in maniera più precisa attraverso diverse funzioni presenti nell’app, come barriere virtuali, no-go zones, no-mop-zones di cui parlo più avanti.

Grazie al nuovo processore utilizzato nell’S6 MaxV, il calcolo del percorso e quindi l’ottimizzazione della pulizia sono stati migliorati e richiedono meno tempo rispetto ad esempio all’S5 Max.

Con l’introduzione di due videocamere frontali stereoscopiche il Roborock S6 MaxV è in grado di riconoscere vari oggetti presenti sul suo cammino ed aggirarli senza venirne in contatto. Questa capacità si rivela fondamentale per risolvere uno dei classici problemi dei robot aspirapolvere, ovvero il rimanere incastrati nei cavi, nei lacci e in altri oggetti potenzialmente problematici che possono essere presenti sul pavimento.

Il robot arriva già di fabbrica con una libreria oggetti pre-caricata con elementi come cavi, calzini, pantofole, ma col tempo sarà in grado di riconoscere anche oggetti nuovi ed evitarli efficacemente.

Aspirazione e pulizia

I robot aspirapolvere di Roborock sono tra i migliori per quanto riguarda anche la qualità di aspirazione, che sia su superfici dure o anche su tappeti e moquette. S6 MaxV è in grado di aspirare la maggior parte della polvere e dei detriti già alla prima passata, grazie anche alla sua spazzola rotante laterale ben tarata, che non fa schizzare lo sporco in giro ma lo indirizza delicatamente verso il centro, pronto ad essere aspirato.

Inoltre la potenza di aspirazione nel S6 MaxV è stata aumentata a 2500pa dai precedenti 2000pa dell’S5 Max e dell’S6, il che chiaramente può solo che favorire la sua capacità di sollevare lo sporco, anche pesante, da superfici come tappeti spessi o per esempio da fessure presenti nel pavimento.

Per quanto riguarda la spazzola centrale, questa è di tipo anti-groviglio ed è in comune con gli altri ultimi modelli Roborock. Non presenta problemi di grovigli di peli e capelli se questi sono corti, ma se la lunghezza aumenta il fenomeno diventa più rilevante. Rimane comunque un buon risultato sopra la media. In più Roborock include un utensile apposito per rimuovere con facilità i peli e i capelli che si vanno ad avvolgere sulla spazzola.

La funzione mocio dell’S6 MaxV è rimasta quella dell’S5 Max, con un serbatoio per l’acqua da 297ml e controllo elettronico del rilascio dell’acqua. Questo significa che attraverso l’app potremo selezionare quanta acqua usare per lavare il nostro pavimento in base alle esigenze, come ad esempio il livello di sporco e il tipo di pavimento.

Questo è decisamente un upgrade rispetto all’S6 base, dove il rilascio dell’acqua è determinato solamente dalla forza di gravità. Altre piccole differenze sono la piastra di attacco del panno rimovibile, che nell’S6 fa invece parte di un unico pezzo, e la capacità del serbatoio praticamente raddoppiata dai 140ml dell’S6 ai 297 dell’S6 MaxV.

Il sistema di lavaggio pavimenti funziona molto bene e ormai si può considerare quasi alla pari con i risultati ottenibili con un robot lavapavimenti dedicato, come per esempio il Braava jet m6 di cui ho parlato in questo articolo.

Funzioni app

Per quanto riguarda le varie funzionalità accessibili dall’app, il Roborock S6
MaxV è dotato praticamente di tutto ciò che si potrebbe volere da un robot aspirapolvere. Si possono definire le barriere virtuali o no-go zones, dove attraverso l’app si disegnano delle linee o dei riquadri per delimitare delle aree in cui non vogliamo che operi il robot.

Ci sono poi anche le no-mop zones, ovvero le aree in cui non passare il mocio (per esempio sui tappeti), che vanno selezionate alla stessa maniera delle no-go zones.

Si può dare un nome ad ogni stanza, cosa che si rivela molto comoda se si vuole usare i comandi vocali attraverso Alexa o Google Assistant per mandare il robot a pulire una stanza specifica. Per esempio possiamo dire: “Alexa, manda Roborock a pulire la cucina”. Ognuna di queste stanze poi può avere delle impostazioni differenti, come ad esempio una potenza di aspirazione più alta in salotto e più bassa in camera da letto.

Ovviamente c’è anche la funzione multipiano, ovvero il robot è in grado di registrare più piani della casa, fino ad un massimo di 4 ed ognuno con le sue barriere virtuali, in modo che possiamo usare il robot su tutti i piani della nostra casa. L’unica cosa che dobbiamo fare è trasportarlo su e giù per le scale, il resto lo fa tutto lui, a partire dal riconoscere il piano su cui si trova in modo automatico (dopo averlo registrato).

Infine è possibile sfruttare le videocamere frontali del robot per una sorta di videosorveglianza mobile, comandandolo a distanza e visualizzando sul proprio smartphone ciò che vede il robot. Si possono pure lasciare messaggi vocali.

Roborock S6 MaxV vs Roborock S5 Max

Con tutti questi modelli di robot aspirapolvere può risultare difficile capire esattamente quale fa al caso nostro, anche solamente tra la gamma Roborock. L’S6 MaxV e l’S5 Max sono entrambi due robot aspirapolvere di fascia premium. Le principali differenze dell’S6 MaxV rispetto all’S5 Max sono:

  • Potenza di aspirazione aumentata dai 2000pa dell’S5 Max al 2500pa dell’S6 MaxV
  • Potenza del motore di 66W, invece di 58W.
  • Nuovo processore e videocamere frontali stereoscopiche per intelligenza artificiale
  • Leggermente più silenzioso (67dB contro 69dB)
  • Serbatoio per l’acqua leggermente più capiente (7ml in più)
  • Sensore di pressione nella torretta LiDAR

Queste sono le principali differenze tra i due modelli, oltre al prezzo che è di 650€ per l’S6 MaxV e circa 380€ per l’S5 Max, il che rende evidente la grande convenienza del modello un po’ più “vecchio”, che a parte la mancanza delle capacità date dall’intelligenza artificiale rimane un ottimo robot aspirapolvere, sicuramente ancora tra i migliori in rapporto al prezzo (qui puoi leggerne la recensione completa).

Considerazioni finali

Il Roborock S6 MaxV, grazie all’intelligenza artificiale, alla qualità di aspirazione e alla lunga autonomia è senza dubbio uno dei robot aspirapolvere e lavapavimenti più avanzati del 2020.

Confrontato ad altri robot top di gamma è anche un po’ più economico, costando circa 650€ su Amazon, mentre il suo competitor più vicino con intelligenza artificiale, il Deebot Ozmo T8 AIVI (di cui ho fatto la recensione) è ben 150 euro più costoso.

Rispetto a quest’ultimo è però un po’ meno svelto a registrare e riconoscere nuovi oggetti, e non è possibile dotarlo di stazione di aspirazione automatica (almeno per ora).

A parte questi due dettagli (entrambi potenzialmente risolvibili), ritengo il Roborock S6 MaxV una delle scelte migliori in rapporto alla qualità e alle tecnologie racchiuse del dispositivo.

roborock S6 MaxV robot aspirapolvere con navigazione LiDAR e ReactiveAI, potente aspirazione da 2500...
  • ReactiveAI: la tecnologia ReactiveAI, alimentata da due telecamere, consente a MaxV di riconoscere ed evitare gli...
  • Navigazione di precisione: la navigazione LiDAR e gli algoritmi avanzati consentono una navigazione accurata e il...
  • Maggiore aspirazione del 25%: una potenza di aspirazione massima di 2500 Pa si traduce in una pulizia più profonda.